A.O.R. Guida al genere – Vincenzo Ferrara

Print pagePDF pageEmail page

Novità assoluta nel panorama editoriale musicale degli ultimi anni, un libro approfondito e appassionante sulla storia e l’epopea dell’A.O.R.

Vincenzo Ferrara, ex redattore heavy metal di www.Truemetal.it, dal 2006 opera sul web, attraverso il suo frequentatissimo sito www.hardnheavy.it, in direzione di una scoperta e/o riscoperta delle pagine più magiche e splendenti della storia del rock duro, con un’occhio di riguardo verso l’A.O.R., l’irripetibile stagione del rock melodico.

 

In questi anni, Enzo si è fatto portavoce di una passione incontenibile verso emozioni e suggestioni musicali che nel loro momento di splendore hanno regalato alcune delle migliori soluzioni ai raffinati palati degli appassionati di rock. Il suo sito è diventato presto un punto di riferimento irrinunciabile per tutti coloro che nutrono la stessa propensione per quei suoni leggendari.

Forte di questo feedback notevole, Enzo ha firmato non solo delle recensioni uniche di classici spesso dimenticati, ma ha anche prestato la sua competenza in due utilissime e ottime classifiche di gradimento che hanno reso più facile la conoscenza e la fruizione del movimento AOR, e dei suoi capolavori, al maggior numero di lettori possibili. E così è stato anche per alcuni articoli di approfondimento che hanno svelato caratteri e connotati dell’Adult Oriented Rock.

In retrospettiva di questo continuo lavoro di informazione e aggiornamento, che di fatto ha portato un gran numero di utenti ad approcciarsi per la prima volta al genere, e non senza un criterio, la pubblicazione di questo libro sembra essere proprio la più conseguente delle operazioni.

“A.O.R. Guida al genere”, pubblicato per la Boopen Editore nel settembre 2008, raccoglie tutte le intuizioni e indicazioni che hanno reso il sito di Enzo così seguito. Ma non soltanto.

Viene descritta minuziosamente l’alba del genere, con un occhio di riguardo verso i primi vagiti, le prime formazioni, i cambiamenti tecnologici e radiofonici che ne hanno supportato (e in parte causato) la nascita. Viene analizzata la terminologia e l’etichetta appartenenti al movimento, ne vengono descritti i principi basilari, le caratteristiche principali, salvo poi approfondire via via le varie diramazioni e le linee di demarcazione tra i vari approcci all’A.O.R.

Perfettamente strutturata la suddivisione temporale della scena, con dovizia di particolari, conoscenza estrema e, soprattutto, con uno stile fluido e sognante, capace di trasmettere al lettore la stessa passione dell’autore. Passione che erompe ancora più personale nelle pagine di analisi sulla fine del genere, la politica delle case discografiche e della stampa di riferimento.

Ma il vero fulcro del libro è certamente il lungo elenco enciclopedico di bands, artisti e discografie. Pagine immancabili per chi vuole conoscere e approfondire e godere della magia di quello che Enzo ha definito più volte “un sogno”. Non c’è artista o disco meritevoli che non siano menzionati e trattati con lucida emozione.

In conclusione, il libro è decisamente consigliato non solo per la sua unicità, e sul mercato e nei riguardi dell’argomento trattato, ma anche e soprattutto perchè rispetta profondamente la dicitura iniziale, quel “guida al genere” che ne fa un’opera indispensabile, sia per chi già conosce sia per coloro che ne hanno solo sentito parlare. E non dimenticatevi, che voi siate lettori del libro e non, che il rimando diretto è al sito dell’autore, dove troverete lo stesso slancio, lo stesso amore per un genere musicale capace come pochi altri di regalarvi momenti di musica eccezionale.

Rispondi